Egitto, continuano le scoperte nel sito archeologico a Luxor

Non è solo l’ennesima scoperta quella annunciata dal Ministero delle Antichità egiziane, ma una scoperta del tutto nuova: si tratta, infatti, della PRIMA testimonianza archeologica di un giardino funerario di 4000 anni fa, dissotterrato a Luxor, nel sito di Dra Abu el-Naga (Tebe Ovest)

Il giardino funerario ritrovato nella necropoli di Dra Abul el-Naga

di Elena Cappannella

Il 3 maggio la missione archeologica spagnola che da 16 anni lavora nella necropoli di Dra Abul el-Naga (luogo che negli ultimi mesi è stato sede di altre eccezionali scoperte!), ha ritrovato un giardino funerario nel cortile aperto di una tomba del Medio Regno, scavata nella roccia. 

E’ un’importante scoperta, considerando che risulta essere la prima testimonianza archeologica di questo tipo di struttura.

Gli archeologi, infatti, conoscevano l’esistenza di questa area culturale grazie a modellini funerari e varie rappresentazioni presenti sulle pareti delle tombe del Nuovo Regno, dove veniva raffigurato un piccolo giardino quadrato all’ingresso del monumento funebre; archeologicamente, però, non ne era stata mai trovata alcuna traccia. Fino ad ora.

Si ha, finalmente, la conferma archeologica di un aspetto dell’antica cultura e religione egizia che finora era conosciuto solo attraverso l’iconografia.

Il giardino, una struttura di 3 x 2 m, è diviso in piccole aiuole quadrate di circa 30 cm per lato, che sembra contenessero diversi tipi di piante e fiori. Al centro emergono due aiuole rialzate, probabilmente utilizzate per accogliere un piccolo albero o un cespuglio. In uno degli angoli sono stati trovati (ancora ben conservati!) la radice e una porzione di tronco, di circa 30 cm, di un piccolo albero risalente allo stesso periodo, circa 4000 anni fa.

E’ accanto a questo albero che gli archeologi hanno ritrovato una ciotola contenente datteri e altri frutti lasciata lì, probabilmente, come un’offerta per il defunto.

Le scoperte non terminano qui: infatti, la missione diretta dal dottor Jose Galan ha anche ritrovato una piccola cappella in mattoni crudi (46 x 70 x 55 cm), al cui interno sembra siano state rinvenute tre stele della XIII dinastia (1800 a.C. circa).

Tutte queste scoperte avvenute a Luxor negli ultimi mesi sono davvero importanti, perché sottolineano la rilevanza che l’area della necropoli di Dra Abu el-Naga aveva come luogo sacro durante il Medio Regno.

Chissà quante altre straordinarie sorprese sono sepolte sotto le sabbie d’Egitto, attendendo soltanto di essere portate alla luce?


LEGGI ANCHE:

Egitto, scoperte sei mummie in una tomba faraonica a Luxor

Non ci sono articoli correlati

You must be logged in to post a comment Login