Caminetti e stufe sono elementi importanti in una casa, donano un calore particolare, un’atmosfera che ha qualcosa in più rispetto al calore un po’ asettico, per quanto piacevole, dei termosifoni. Se questi ultimi non necessitano di particolari manutenzioni se non quelle necessarie alla caldaia, stufe e camini richiedono un’attenta manutenzione.

La combustione della legna

La legna, banalmente uno dei combustibili più antichi nella storia umana, è un composto organico, in pratica pezzi di vegetale, di alberi che contengono grandi quantità di carbonio. Oltre al carbonio ci sono nel legno tante diverse sostanze che, sottoposte al calore degradano generando anche fumo.

Tutti abbiamo presente come un ceppo di legno messo nel camino prenda fuoco, si bruci, generando calore e fumo e divenendo presto carbonizzato prima di ridursi in residuo incombustibile, la cenere, in cui tutte le sostanze che possono bruciare sono trasformate da materia in gas ed energia.

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Ecco, allora che il fuoco fa bruciare il legno e lo trasforma in altro, appunto energia termica e residui. I residui non sono soltanto la cenere che resta quando la combustione delle sostanze è completa ma anche nelle tubature, nella canna fumaria.

Soltanto sporco?

La cenere di legna è il classico residuo della combustione che resta quando tutto ciò che è combustibile, trasformabile in energia termica è consumato. La cenere, in tempi ormai lontani, veniva usata dalle massaie come sbiancante unito al sapone.

Un tempo oltre al sapone non c’erano certo tanti detersivi per il bucato e da tempi antichi si era scoperto che la cenere di legna permetteva nel lavaggio dei capi di ottenere un bucato più pulito, più bianco.

Ai tempi attuali molti detersivi industriali sono arricchiti di cenere, riscoprendo anche in formulazioni industriali il valore della cenere per il bucato.

Nei tubi e nella canna fumaria si depositano residui di combustione del Carbonio, la Fuliggine. Questo residuo nero che sporca moltissimo ha due caratteristiche:

  • Tende ad accumularsi ed ostruire lo scarico di fumi, canna fumaria e tubazioni di scarico
  • Se sottoposta a surriscaldamento ha ancora una capacità combustibile

La manutenzione di camini e stufe

E’ importante rimuovere sempre la cenere residua della combustione della legna al fine di garantire sempre il,massimo rendimento di stufe a legna e camini in quanto la cenere, non combustibile, tende a soffocare la fiamma, riducendo il rendimento energetico della legna messa a bruciare.

Almeno una volta all’anno occorre pulire accuratamente la canna fumaria e le tubazioni di scarico dei fumi, al fine di eliminare la fuliggine e prevenire otturazioni pericolose degli scarichi.

A favorire il lavoro di pulizia di stufe e camini, si trovano in commercio prodotti specifici per la pulizia della fuliggine che permettono un più agevole lavoro con meno fatica ma resta sempre da provvedere alla pulizia della canna fumaria.

Un mancata pulizia di questa, infatti, può ridurre il tiraggio e provocare ritorni di fumo che è decisamente nocivo e pericoloso per la salute.

In ogni combustione si realizza anche la liberazione di monossido di carbonio, un gas inodore e altamente nocivo che può condurre rapidamente a morte le persone che lo inalano senza averne nemmeno la consapevolezza.

Da qui l’estrema importanza della manutenzione degli scarichi, innanzitutto ma occorre anche considerare il rischio di incendio e scoppio delle canne fumarie intasate.

Le Stufe a Pellet

Le moderne stufe a pellet sono la soluzione migliore e più sicura per scaldarsi. Sono dotate di centraline elettroniche che garantiscono costantemente le migliori condizioni di combustione, riducendo al minimo l’emissione di fumi e i residui di cenere, ottimizzando in continuo la fiamma.

La manutenzione di queste stufe, quindi, è ridotta la minimo ma la pulizia delle tubazioni di scarico e della canna fumaria resta sempre importante.

Molte stufe moderne sono dotate anche di sistemi autopulenti che permettono una manutenzione meno impegnativa ma pus sempre necessaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here