Nasce il Comitato che tutela la salute e l’ambiente di Latera

Venerdì 7 luglio si è costituito il Comitato per la tutela della salute e dell’ambiente di Latera, formato da cittadini di questo piccolo paese e dei paesi limitrofi che hanno scelto questo territorio come il luogo in cui vivere, crescere i propri figli ed avviare le proprie attività economiche e produttive

Questo, in ordine di tempo, è l’ultimo dei numerosi comitati spontanei nati nell’area dell’Alto Viterbese, dell’Umbria e della bassa Toscana sulla spinta di una serie di sollecitazioni esterne che vedono queste aree come meta per investimenti di imprese che intendono costruire impianti per la produzione di energia, senza tener conto della vocazione turistica ed agricola di questo territorio dall’enorme valore naturalistico e paesaggistico.

La prima battaglia che il comitato si propone di affrontare, in stretta collaborazione con il “Comitato di Farnese, ambiente salute e territorio”, quello di Maremma Attiva e sotto la guida della Rete Nazionale NOGESI, è quella di fare una ferma opposizione ai 2 progetti geotermici a media ed alta entalpia che interessano il territorio di Latera e dei paesi limitrofi.

Oggi il Comitato intende opporsi alla richiesta da parte di Enel Green Power di riapertura della centrale ENEL di Latera, già chiusa nel 2002 in seguito a malfunzionamento, ingestibilità dell’impianto, inquinamento atmosferico e a disturbi fisici avvertiti dalla popolazione in tutto il bacino del Lago di Bolsena.

A questa prima emergenza segue il problema relativo alla richiesta, presentata dalla Società Latera Sviluppo s.r.l., per ottenere il “permesso di ricerca di risorse geotermiche” per la realizzazione di un impianto pilota, sempre a Latera, in fase di approvazione al MISE (Ministero dello Sviluppo Economico).

Seppure le società prospettano indotti derivanti dal funzionamento di queste centrali, nessun vantaggio verrà alle popolazioni locali né in termini economici né occupazionali come testimoniato ampiamente dai pregressi di Latera o dalle aree in cui le centrali funzionano da anni, come a Piancastagnaio.

Anche le amministrazioni locali si sono mobilitate costituendo a Latera il 5 luglio 2017 il “Coordinamento dei sindaci dell’Alta Tuscia contrari alla geotermia” al quale hanno aderito i Comuni di Latera, Farnese, Ischia di Castro, Grotte di Castro, Gradoli, Onano, Acquapendente, Cellere, Canino e Valentano che hanno attivato un “tavolo di lavoro permanente” in opposizione ai progetti geotermici a media ed alta entalpia che interessano il viterbese.

Nell’ottica di far conoscere al maggior numero possibile di cittadini le bellezze di questo territorio e il gravissimo impatto che la centrale avrebbe in quest’area, il Comitato di Latera ha organizzato una prima manifestazione pubblica “ERRARE È UMANO – Passeggiata contro il perseverare del pericolo geotermico” che si terrà a Latera il 23 luglio a partire dalle ore 9:00 e che prevede una visita ai luoghi dove sorge ancora la vecchia centrale ENEL, mai smantellata, e dove sono ancora evidenti le rovine delle serre costruite con l’illusione di ottenere energia a basso costo, peraltro mai fornita, che contrastano con le bellezze di un area in cui sono visibili le pregevoli realtà agricole, zootecniche, turistiche e naturalistiche per ora ancora presenti.

Comitato per la Tutela della Salute e dell’ambiente di Latera

You must be logged in to post a comment Login