Bolsena, “gli scenari dei Misteri di santa Cristina in stato di semiabbandono”

Il Gruppo di opposizione in Consiglio: "Auspichiamo un intervento immediato e concreto da parte dell’amministrazione comunale"

Anche quest’anno i tradizionali Misteri di Santa Cristina hanno rappresentato, oltre al consueto e consistente afflusso turistico culminato con uno spettacolo pirotecnico sulle rive del Lago, un momento di aggregazione e collaborazione per la maggior parte dei cittadini bolsenesi.

Dietro le suggestive rappresentazioni dei martiri si cela infatti un lavoro sconosciuto ai più e dedicato alla preparazione delle sceneggiature, delle decorazioni, dei costumi e degli abbinamenti cromatici, insomma di tutti gli elementi che si ritrovano all’interno dei “quadri umani” da ammirare il 23 e 24 Luglio di ogni anno nelle 5 principali piazze del borgo bolsenese.

Un lavoro, però, che troppo spesso finisce per essere dimenticato e rovinato a causa di una insufficiente dotazione di strumenti e mezzi atti alla conservazione di tutti quei materiali e prodotti appositamente ideati e costruiti per arricchire le scenografie delle sacre rappresentazioni.

L’unico riparo da pioggia, vento ed altre insidie per tutte le creazioni di proprietà dei 5 palchi è ad oggi un piccolo container, peraltro situato in loc. Morone dove, come possiamo vedere nelle foto, non vi è il sufficiente spazio nemmeno per la celebre ruota, elemento essenziale per rappresentare una delle torture cui venne sottoposta Santa Cristina.

Inoltre non hanno vita migliore tutti i pannelli (la maggior parte in compensato per ragioni di comodità e di costi) che vengono di anno in anno accatastati l’uno sull’altro e di conseguenza diventano inutilizzabili nel giro di 2 o 3 anni.

Sarebbe anche opportuna e coinvolgente l’idea di istituire una sorta di laboratorio per attirare le nuove generazioni, sempre meno disponibili e presenti sui palchi, per contribuire alla continuazione di una delle principali tradizioni bolsenesi.

Auspichiamo un intervento immediato e concreto da parte dell’amministrazione comunale, utilizzando parte dell’avanzo di amministrazione di cui si è detto anche nell’ultimo consiglio comunale, con la speranza che, almeno questa volta, alla nostra segnalazione non corrisponda una risposta polemica, bensì vi sia una presa d’atto di quella che è una situazione spiacevole ma assolutamente migliorabile, attraverso un’accurata pianificazione delle spese e, nel concreto, una messa a disposizione di strutture adatte alla causa.

Gruppo consiliare di opposizione – Unione di Forze in Comune per Bolsena

Non ci sono articoli correlati

You must be logged in to post a comment Login