La chiesa “oltre”, per raggiungere l’altro

Nelle ultime settimane la Chiesa Cristiana Evangelica della Vera Vite di Montefiascone ha iniziato un progetto a lungo termine denominato  Testimoniare Cristo Oltre” con il quale vuole raggiungere categorie di persone che, normalmente, non hanno la possibilità di ascoltare o frequentare una comunità in modo efficace.

“Il progetto della nostra chiesa, che è parte dell’Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia – spiega il Pastore Marco Delle Monache – è articolato su due differenti settori che potrebbero sembrare tra loro distanti, ma che invece sono parte del medesimo scopo: arrivare all’altro dove egli è.

Il primo è rivolto ai non udenti: tutti i messaggi domenicali della nostra comunità sono difatti tradotti durante il culto  in LIS (Lingua dei Segni) grazie ad una interprete, video registrati e messi in rete tramite il canale YouTube della chiesa. Il materiale web a favore  dei sordi è difatti, veramente poco, e riteniamo che le chiese, di qualsiasi denominazione esse siano, dovrebbero fare di più per questa categoria di persone. Abbiamo già avuto feedback positivi da alcuni di essi, ed alcuni hanno anche partecipato ad eventi di chiesa.

Il secondo è destinato alle persone migranti presenti sul territorio della nostra cittadina che non parlano ancora l’italiano. Al di là di quello che saranno gli esiti individuali delle richieste di asilo, sono queste persone che hanno bisogno un sostegno spirituale, oltre quello umanitario. Il servizio domenicale è difatti tradotto in lingua inglese (la lingua più comune tra di loro) così che possano seguirlo. Di comune accordo con i responsabili del Gruppo INTERcasa GEA Onlus ci siamo recati centro di accoglienza da loro gestito in Via Malatesta a Montefiascone, per ascoltare un poco le storie dei migranti e per farci conoscere da loro. Molti sono stati i ragazzi che hanno accolto l’invito a partecipare al nostro culto domenicale.”

“I nome del  progetto – conclude  il Pastore – vuole spingere a far riflettere i credenti , ma non solo essi, sulla necessità di andare oltre: oltre le mura delle chiese, oltre la individuale zona di “sicurezza e conforto”, oltre quello che già si fa, oltre gli stereotipi dei nomi con cui vogliamo definire una categoria, per capire che, oltre, ci sono persone,  con necessità sia di vita che spirituali esattamente come le nostre. E spetta a noi di raggiungerle là dove sono, non viceversa.”

Per maggiori informazioni: http://laveravite.itlaveravite@gmail.com

You must be logged in to post a comment Login