“Conoscere il Lago di Bolsena”: un progetto didattico ospitato a Capodimonte

L’Associazione Lago di Bolsena, con la collaborazione delle Associazioni “La Porticella” e “Bolsena Lago d’Europa”, si è attivata per realizzare un programma di educazione didattica ambientale esteso a tutto il comprensorio lacustre

Capodimonte – ph Emanuela Coppola by RG

Il programma, che ha per titolo “CONOSCERE IL LAGO DI BOLSENA”, è articolato su due livelli: uno, in via di definizione, dedicato alla formazione degli insegnanti, con la collaborazione del Provveditorato agli Studi e dell’Università della Tuscia, tramite il settore universitario LABFORM, l’altro, già attivo, rivolto agli alunni delle scuole medie inferiori degli Istituti Comprensivi di Valentano, Grotte di Castro e Montefiascone che includono tutti gli alunni presenti nel bacino lacustre.

L’Istituto di Valentano ha 229 alunni includendo le sedi distaccate di Marta (alla quale partecipano anche gli alunni di Capodimonte), e di Ischia (alla quale partecipano anche gli alunni di Farnese); l’Istituto di Grotte che ha 218 alunni includendo le sedi di San Lorenzo Nuovo, Bolsena e Gradoli (al quale partecipano anche gli alunni di Latera) e l’Istituto di Montefiascone che ha 251 alunni. In totale sono quasi 700 alunni appartenenti agli 11 Comuni sopra citati.

Per le prime classi il programma prevede nozioni geologiche relative alla genesi del lago di Bolsena e del suo emissario, i vari parametri idrogeologici quali: il tempo di ricambio, il livello del lago, le piogge, i prelievi idrici e l’evaporazione.

Per le seconde classi è previsto lo studio dell’ecosistema lago, con una uscita con il battello pubblico di Capodimonte o di Bolsena per pescare lo zooplancton con un apposito retino. Il materiale raccolto sarà subito dopo portato a terra e osservato al microscopio. In alternativa all’uscita con il battello pubblico il prelievo dello zooplancton sarà effettuato nel porto e completato con una visita all’Acquario di Bolsena.

Per le terze classi, oltre al riesame di quanto appreso negli anni precedenti, è previsto lo studio dei fattori fisici e chimici che determinano la qualità ecologica del lago, la visita al depuratore sull’emissario Marta e ad una stazione di sollevamento del collettore circumlacuale.

Le Associazioni promotrici, malgrado la mancanza di risorse, hanno garantito ai tre Istituti la copertura delle spese relative al progetto per quanto riguarda: la pubblicazione della documentazione didattica; l’intervento di insegnanti esterni; una adeguata disponibilità di microscopi incluso il materiale per la preparazione dei vetrini e la premiazione dei migliori alunni dei tre Istituti da effettuare con un concorso conclusivo alla fine dell’anno scolastico. Nella speranza di un positivo accoglimento abbiamo chiesto agli 11 Comuni coinvolti e alla Provincia un piccolo contributo di 100 euro ciascuno.

E’ un programma ambizioso, ma parte con i migliori auspici del Comune di Capodimonte che ha inserito nel suo sito ufficiale il comunicato che segue.

UNA GENEROSA DONAZIONE

Con i proventi del libro “CAPODIMONTE, GUIDA ALLA SCOPERTA”, la prof.ssa Rosella Di Stefano, che ha rinunciato ai diritti d’autore, ha donato un videoproiettore al nostro Comune da utilizzare per gli eventi culturali alla Cascina.

La prima occasione sarà quella del grande progetto didattico “Conoscere il Lago di Bolsena” (promosso dall’Associazione Lago di Bolsena, presieduta dal concittadino ing. Piero Bruni) nel quale, da quest’anno, è coinvolta anche l’Università della Tuscia.

Una parte del progetto si svolgerà proprio nella sala delle Scuderie Farnesiane: oltre 200 studenti delle classi seconde delle Scuole Secondarie di I grado di tutti i paesi del lago verranno a Capodimonte nei prossimi giorni divisi in gruppi di circa 30 alunni per studiare lo stato ecologico del Lago e conoscere le bellezze dell’Isola Bisentina.

Alla Cascina si terranno infatti delle lezioni scientifiche curate dalla prof.ssa Carla Carsetti; poi il prof. Franco Strada spiegherà ai ragazzi la storia dell’Isola Bisentina e dei Farnese; infine, dopo un giro sul battello, gli alunni analizzeranno al microscopio il fitoplancton e lo zooplancton sotto la guida della biologa dott.ssa Imola Bellavita.

L’iniziativa, già attiva da alcuni anni, rientra nei programmi culturali del Comune che vengono organizzati sia presso il Museo della Navigazione nelle Acque Interne che alla Cascina nei locali, ora completamente attrezzati, che si prestano ottimamente per questi tipi di attività.

L’Amministrazione comunale di Capodimonte ringrazia la prof.ssa Di Stefano per la sua generosa donazione dà il benvenuto ai ragazzi ed ai docenti delle scuole interessate Il Comune augura a tutte le persone, a vario titolo coinvolte, un buon lavoro finalizzato alla crescita culturale dell’intera comunità intorno al lago.

Piero Bruni

You must be logged in to post a comment Login