“Quando Tuscania era cosmopolita”, una mostra omaggio a Rudolf Kortokraks

Mostra personale dal 1950 al 2010 “Da Kokoschka a Kortokraks, da Salisburgo a Tuscania “ - Mostra sulla Scuola di Visione. Dall’12 agosto al 30 settembre 2017 @Teatro Comunale di Tuscania

Perché la mostra di Kortokraks

Kortokraks trasferì la Scuola Estiva di Visione da Salisburgo a Tuscania nel 1980 e prosegui questa importante iniziativa fino al 1990. In quegli anni Tuscanica in estate, grazie a Kortokraks, si trasformava in un centro di cultura internazionale con centinaia di giovani artisti che venivano per frequentare le lezioni della Scuola di Visione e a fine corso ritornavano nei loro paesi d’origine portando nel cuore Tuscania e un grande affetto per noi Tuscanesi di cui avevano apprezzato la disponibilità, l’ospitalità e la simpatia. Anche vecchi compagni della Scuola di Visione di Salisburgo venivano a Tuscania, fermandosi per alcuni giorni.

In quegli anni Tuscania è stata frequentata grazie al il Professore da personaggi di primo piano della politica tedesca ed austriaca, professori di università estere e critici d’arte, giornalisti, registi e diplomatici di Austria e Germania, rampolli della nobiltà austriaca e tedesca, e teste coronate di mezza Europa già allievi prima di Kokoschka e dopo di Kortokraks all’Accademia di Salisburgo.

Tuscania durante l’estate era veramente il centro del mondo. Basta guardare i registri delle presenze di quegli anni dell’Albergo il Gallo per rendersi conto di tutto questo. E’ proprio questo legame che ha unito Tuscania con la Scuola di Visione che ci spinge a realizzare la grande mostra del Prof. Kortokraks.

Grazie all’affetto e all’amicizia che lega la famiglia Kortokraks a Tuscania, possiamo disporre di 20 opere che il Professore ha scelto personalmente per una mostra antologica che fu allestita a Budapest nel 2014, pochi mesi prima della sua morte. Sono quadri che coprono un lungo periodo della sua vita artistica, dal 1950 al 2010. A questi quadri la moglie, Miriam Frank, ne aggiungerà altri 6 che rappresentano Tuscania, Vulci ed il territorio circostante. Abbiamo già il Patrocinio degli Istituti di cultura dell’Ambasciata Austriaca e dell’Ambasciata della Repubblica Federale Tedesca che ci aiuteranno a pubblicizzare questo evento attraverso i giornali e le TV nazionali dei relativi Paesi.


IL PROGETTO DELLA MOSTRA

Grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, il teatro “Il Rivellino” sarà il contenitore istituzionale delle due mostre che andremo ad allestire. Infatti il progetto prevede il montaggio della mostra sulla Scuola di Visione nel Foyer del teatro dove saranno esposti manifesti originali della Scuola, gigantografie, alcune opere di artisti allora studenti e che ora hanno acquisito notorietà, saranno proiettate su maxischermo centinaia di foto dell’epoca scattate dal fotografo Klaus Renner che collabora con le più importanti testate giornalistiche tedesche.

La mostra antologica di Kortokraks dei quadri che vanno dal 1950 al 2010 sarà allestita nei due primi ordini di palchi. E’ stata studiata una illuminazione che valorizzerà al massimo non solo le opere esposte ma la struttura stessa dell’edificio. Sul palco sarà posizionato uno schermo cinematografico dove sarà proiettato a ciclo continuo il Film/documentario “ Rudolf Kortokraks “ girato dalla regista austriaca Petra Hinterberger nel 2011.

L’esposizione sarà inaugurata il giorno 11 agosto 2017, con una cerimonia riservata alle autorità, alle rappresentanze estere, ai giornalisti, agli sponsor e agli ospiti, mentre dal 12 agosto al 30 settembre sarà aperta al pubblico. La campagna pubblicitaria, fatta attraverso banner pubblicitari, manifesti, locandine, volantini, vela mobile, interesserà una fascia importante di territorio costiero. Anche il lago di Bolsena sarà coperto dalla pubblicità.

Si tratta di un evento che richiamerà su Tuscania l’interesse di appassionati di arte ed avrà una valenza europea attraverso il coinvolgimento delle rappresentanze culturali delle ambasciate di Austria, Germania, che attraverso i loro canali stanno divulgando questo evento. Come si può comprendere sarà una esposizione che impegnerà la nostra Associazione non solo a livello organizzativo ma anche economico come potrete vedere dal bilancio di previsione.

La manifestazione gode del patrocinio del Comune di Tuscania e della Pro Loco, del Forum Austriaco di Cultura dell’Ambasciata di Austria, dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania, della Regione Lazio, della BCC.


Perché l’ACTAS

L’ACTAS nacque nel 1978 quando insieme ad alcuni amici decidemmo di dover far qualcosa per dare una “scossone” culturale a Tuscania ancora semidistrutta dal terremoto del 1971.

Per alcuni anni facemmo belle ed importanti iniziative: mostre, dibattiti, presentazioni di libri, concorsi che coinvolgevano la scuola, una bellissima stagione di concerti all’interno della chiesa di S. Maria della Rosa fino ad organizzare una mitica serata danzante al Castello di Roccarespampani con la partecipazione dei Ricchi e Poveri nel boom della loro notorietà ed un’altra con il Maestro Bruno Canfora, la sua Orchestra e Nicola Arigliano.

Gli anni passano… chi si sposa, chi lascia Tuscania per andare a lavorare fuori , chi deve provvedere ai propri interessi e alla famiglia… l’Actas cade nel dimenticatoio.

Poi, l’estate del 2015, ci siamo ritrovato insieme alcuni amici ed abbiamo deciso di ripartire con l’Associazione che , come l’Araba Fenice, è rinata dalle proprie ceneri ed ha iniziato una nuova stagione. Da agosto 2015 ad oggi abbiamo già fatto cose interessanti mostre di pittura personali e collettive, mostre e concorso di fotografia, presentazione di libri, conferenze di storia, di arte, di lirica, concerto del Coro Polifonico di Ciampino a favore della CARITAS di Tuscania, opera lirica “ Atti d’Amore “ con Manon Boutian al Teatro “ Il Rivellino “, scuola di teatro con spettacolo finale, corsi di oreficeria etrusca, festival di teatro in collaborazione con la Federazione Italiana Teatro Amatori – FITA, con l’incasso a favore dei terremotati di Amatrice e dintorni. L’ultima iniziativa fatta nel mese di giugno 2017 è stata l’istituzione del Festival FormAeAzione, riservato ai giovani che terminano le accademie di teatro e i corsi di formazione di qualità. In questa prima edizione le opere rappresentate al teatro “ Il Rivellino “ sono state Macbeth, Qualcuno volò sul nido del cuculo e Arancia Meccanica. Tante altre attività seguite da centinaia di persone sono state realizzate.

Dal 15 ottobre fino al 30 ottobre 2016, abbiamo allestito la mostra rievocativa “ Quando Tuscania era cosmopolita “ dedicata alla Scuola di Visione del Prof. Rudolf Kortokraks

Con la partecipazione e la testimonianza di artisti tedeschi, olandesi, californiani e inglesi, allora studenti in Tuscania ed oggi artisti di fama internazionale, letture sulla Scuola, manifesti degli anni 80 originali, proiezione di centinaia di foto fatte in quegli anni dal Klaus Renner, allora fotografo della Scuola ed oggi reporter per molte testate tedesche, Gigantografie, articoli di giornali di allora, e quadri di allievi che hanno inviato lavori realizzati durante la scuola ed opere di oggi.

Insomma UNA MOSTRA INTRODUTTIVA ALLA GRANDE ANTOLOGICA CHE FAREMO DAL 12 AGOSTO 2017 AL 30 SETTEMBRE 2017 sulla quale stiamo lavorando.


INFO:

  • actastuscania@libero.it
  • facebook: actastuscania

You must be logged in to post a comment Login